collection arts

  • mercato

Collezione di oggetti di lusso, unici realizzati a mano

  • TIPOLOGIA

Lighting, Furniture & Surfaces Design

  • TARGET

Collezionisti, amanti dell’arte e dell’unicità

  • TEAM DI LAVORO

1 Creative Director 

1 Production Manager

2 Designers

  • PRESS E PRIZES
  • stato di avanzamento

L'ARTE CHE INCONTRA IL DESIGN

  • L'ARTE CHE INCONTRA IL DESIGN

Collection Arts è un progetto ibrido, il suo valore intrinseco, si basa sul processo di CoDesign e delle contaminazioni  culturali, portando ad interrogarci sul rapporto tra l’arte, come forma espressiva di una emozione e l’oggetto di design, che si costruisce proprio attorno alla sua funzione. Si rapporta alla nuova era tecnologica, volta a riscoprire i nuovi modi di comunicare e dialogare tra passato e futuro, rivalorizzando la tradizione artistica delle regioni.

  • stato di avanzamento

Secondo un’indagine realizzata da Antonio Achille, partner e managing director di Boston Consulting Group (Bcg), è interessante notare, quando ci riferiamo al mercato del lusso, che i fronti sui quali lavorare, per costruire una relazione più solida con il consumatore, che tra l’altro sempre più spesso si informa o compra online e vuole sapere tutto sull’origine dei prodotti.

«Abbiamo condotto uno studio su 10mila consumatori del lusso in 10 Paesi, da cui emerge che l’81% dei clienti di alta gamma nel mondo verifica il “made in”. La percentuale è ancora più alta, dell’87% ,nei mercati emergenti di Cina, Brasile, Corea e Medio Oriente».

Non solo, dal sondaggio Bcg emerge anche che il “made in Italy” è la migliore garanzia di lusso e l’importanza del mantenimento di un’aura di esclusività. «L’unica strada è investire su qualità e artigianalità, persino quando si devono fare grandi numeri, perché sono queste le parole più citate quando chiediamo ai consumatori cosa significhi per loro lusso».

MARKET

Secondo un’indagine realizzata da Antonio Achille, partner e managing director di Boston Consulting Group (Bcg), è interessante notare, quando ci riferiamo al mercato del lusso, che i fronti sui quali lavorare, per costruire una relazione più solida con il consumatore, che tra l’altro sempre più spesso si informa o compra online e vuole sapere tutto sull’origine dei prodotti.

«Abbiamo condotto uno studio su 10mila consumatori del lusso in 10 Paesi, da cui emerge che l’81% dei clienti di alta gamma nel mondo verifica il “made in”. La percentuale è ancora più alta, dell’87% ,nei mercati emergenti di Cina, Brasile, Corea e Medio Oriente».

Non solo, dal sondaggio Bcg emerge anche che il “made in Italy” è la migliore garanzia di lusso e l’importanza del mantenimento di un’aura di esclusività. «L’unica strada è investire su qualità e artigianalità, persino quando si devono fare grandi numeri, perché sono queste le parole più citate quando chiediamo ai consumatori cosa significhi per loro lusso».

Fin dai tempi antichi, le forme geometriche sono state utilizzate in diversi linguaggi artistici,  la loro regolarità geometrica è diventata soggetto di molti movimenti artistici del Novecento. Il quadrato, ad esempio, è la quarta delle figure geometriche fondamentali che esprime perfezione numerica, razionalità ed essenzialità. 

Così come Le Corbusier, Kandinsky e Bruno Munari le cui opere si rifacevano ad una interpretazione personale di questa forma geometrica. Anche Mondrian dietro ad una figura apparentemente statica, ha saputo rivoluzionare l’uso delle geometrie dimostrando una complessità che smentisce la loro apparente semplicità. 

L’ osservazione e  lo studio delle opere pittoriche della scuola neoplasticista, hanno ispirato le opere della collezione “Art’s“. In grado di fondere elementi, mediante l’uso di forme e geometrie lineari abbinandole ad un’ elevata ricercatezza costruttiva. 

Nei giorni d’oggi, molte volte l’industria vieni rappresentata come il superamento della dimensione artigianale. Invece scopriamo che “il saper fare” con le mani, quando non rimane fine a sè stesso, può diventare fondamentale all’interno del processo di innovazione. Ecco perché la scelta dell’utilizzo di tecniche artigianali e materiale riciclabili per eccellenza configurano l’unicità di ogni singolo prodotto. 

INSPIRATION

Fin dai tempi antichi, le forme geometriche sono state utilizzate in diversi linguaggi artistici,  la loro regolarità geometrica è diventata soggetto di molti movimenti artistici del Novecento. Il quadrato, ad esempio, è la quarta delle figure geometriche fondamentali che esprime perfezione numerica, razionalità ed essenzialità. 

Così come Le Corbusier, Kandinsky e Bruno Munari le cui opere si rifacevano ad una interpretazione personale di questa forma geometrica. Anche Mondrian dietro ad una figura apparentemente statica, ha saputo rivoluzionare l’uso delle geometrie dimostrando una complessità che smentisce la loro apparente semplicità. 

L’ osservazione e  lo studio delle opere pittoriche della scuola neoplaticista, hanno ispirato le opere della collezione “Art’s“. In grado di fondere elementi, mediante l’uso di forme e geometrie lineari abbinandole ad un’ elevata ricercatezza costruttiva. 

Nei giorni d’oggi, molte volte l’industria vieni rappresentata come il superamento della dimensione artigianale. Invece scopriamo che “il saper fare” con le mani, quando non rimane fine a sè stesso, può diventare fondamentale all’interno del processo di innovazione. Ecco perché la scelta dell’utilizzo di tecniche artigianali e materiale riciclabili per eccellenza configurano l’unicità di ogni singolo prodotto. 

  • il team di lavoro
  • i partners